La Materia Oscura

Quarantacinquesima puntata

Gli astrofisici pensano che il 95% di ciò che costituisce l’Universo sia fatto da un nuovo tipo di materia e un nuovo tipo di energia ancora sconosciute. Ma perché lo pensano? E di che cosa si tratterebbe? Le chiamiamo “materia oscura” ed “energia oscura” e in questa puntata vi spieghiamo la prima, mentre la seconda a tutt’oggi resta un mistero.
 

Autori:

  • Giovanni Organtini e Gianluca Li Causi

Altre voci:

  • Chiara Piselli

Regia:

  • Antonella Bartoli

La musica di :

  • Everything Else
  • Megapolis
  • Oasis
  • Lethargy
Play
FacebookTwitterGoogle+RedditShare

Tutti gli occhi puntati su Giove

Il pianeta Giove fotografato da Cassini. Crediti: NASA/JPL/Space Science InstituteGiove protagonista in questo mese di luglio. Un po' perché abbiamo le ultime occasioni per ammirarlo, prima che per un po' di tempo diventi difficile da individuare, avvicinandosi al Sole. Ma soprattutto perché il 4 luglio arriva nella sua orbita la sonda Juno che lo studierà in dettaglio Continue reading

Buchi neri fuggitivi

Rappresentazione artistica dei due buchi neri all'origine delle onde gravitazionali rivelate da LIGO. Crediti: SXS LensingSecondo uno studio teorico, con la nuova generazione rivelatori spaziali per lo studio delle onde gravitazionali sarà possibile misurare lo spostamento Doppler dell’emissione dovuto alla velocità della sorgente. I primi nel mirino sono i buchi neri che, in seguito a una fusione, vengono lanciati nello spazio intergalattico a migliaia di km al secondo Continue reading

Stessi piatti ma diverse ricette per i pianeti

(Sopra) Illustrazione schematica del gas ricadente intorno alla protostella, dove esiste una struttura a disco, con un raggio di circa 50 unità astronomiche, circondata da un involucro di gas esteso oltre le 200 UA. Solfuro di carbonile è presente nel gas dell’involucro, mentre formiato di metile esiste soprattutto nella zona di confine tra il gas e la struttura del disco. (Sotto) Distribuzione di intensità di formiato di metile (sx) e del solfuro di carbonile (dx) osservata con ALMA. Crediti: ALMA (ESO/NAOJ/NRAO), Oya et al.Nella zuppa di gas e polveri da cui attingono i pianeti in formazione attorno a una giovane stella non ci sono sempre gli stessi ingredienti: alcuni vengono aggiunti a discrezione dal mezzo interstellare. La scoperta grazie al radiotelescopio ALMA, che ha visto in dettaglio anellI di differenti molecole organiche attorno a protostelle di tipo solare Continue reading

Juno, ecco la magnetosfera gioviana

Juno è ormai prossima alla sua meta. Lo scorso 24 giugno lo strumento Waves ha registrato il passaggio della sonda attraverso il bow shock del gigante gassoso, dove il vento solare supersonico deviato dalla magnetosfera  viene riscaldato e rallentato.
Italiano
Continue reading

Poland Progresses in Developing Infrastructure for its Nuclear Power Programme, IAEA Review Concludes

Poland has implemented all the recommendations of a 2013 IAEA Integrated Nuclear Infrastructure Review (INIR) mission, a team of experts concluded last week. Continue reading

Rosetta si prepara al gran finale

Un'immagine di Rosetta mentre rilascia il lander Philae sulla superficie della cometa. Crediti: ESA–C. Carreau/ATG medialabUna volta che l'orbiter arriverà sulla cometa, le comunicazioni cesseranno così come tutte le operazioni. L'ultima tappa della missione sarà una delle più rischiose, ma se tutto andrà come previsto, i dati scientifici che verranno raccolti saranno davvero unici e straordinari Continue reading

L’Universo a infrarossi con USD

Alla University di Nottingham è stata realizzata la mappa in infrarossi più dettagliata di sempre di una larga area del cielo. Chiamato Ultra-Deep Survey (USD), questo studio ha rilevato più di 250,000 galassie in una porzione di cielo grande quanto 4 lune piene.  
Italiano
Continue reading

Bando progetti di ricerca Italia-Vietnam

Sono in fase di avvio le procedure per il rinnovo del Protocollo Esecutivo di Cooperazione Scientifica e Tecnologica tra Italia e Vietnam per gli anni 2017-2019.   In tale contesto l’Ufficio Cooperazione Scientifica e Tecnologica del Ministero degli Affari Esteri ha lanciato un bando per la raccolta di progetti congiunti.    Le aree di ricerca prioritarie individuate nel Protocollo Esecutivo sono:    - Agricolture and Food Sciences;  - Biotechnologies and Medicine;  - Environment and Climate Change;  - Information and Communication Technologies;   - Applied Physics; 
Italiano
Continue reading