Fisica

Un quarto d’ora da neutroni

L'esperimento UCNtau ha rivelato che il neutrone libero vive 14,629 minuti con un’incertezza di 0,005 minuti: una stima che è un fattore due più precisa rispetto alle misurazioni precedenti. Sebbene questo non risolva il mistero dei 9 secondi di differenza tra i due metodi solitamente impiegati per calcolare il tempo di vita del neutrone, rappresenta un altro passo verso la comprensione dell’incongruenza. Tutti i dettagli su Physical Review Letters Continue reading

Science Party alla Leopardi, torna la festa più scientifica che c’è!

Sai dove si trova la bocca di una stella marina? Hai mai toccato un fluido non newtoniano? Conosci animali che possono trasformarsi e ottenere nuovi “poteri” proprio come Super Mario? Che “suono” ha lo Spazio? Vuoi diventare “Dottore in Sostenibilità”?

Per scoprire divertendoti tante curiosità scientifiche, non puoi mancare a Science Party, la festa della scienza [...]

The post Science Party alla Leopardi, torna la festa più scientifica che c’è! appeared first on Frascati Scienza.

Continue reading

Più onde per Ligo con gli specchi potenziati

Un nuovo tipo di rivestimento per gli specchi usati negli osservatori di onde gravitazionali, a base di biossido di titanio e biossido di germanio, promette di dimezzare il rumore di fondo delle misure e aumentare così di otto volte il volume cosmico sondato. Sono i risultati di uno studio guidato dal team dell'osservatorio Ligo, la cui applicazione potrebbe iniziare già tra qualche anno Continue reading

Nobel per la fisica 2021, c’è anche Giorgio Parisi

Sono tre i nomi del Nobel per la fisica 2021: Syukuro Manabe, Klaus Hasselmann e Giorgio Parisi. Scienze diverse, ma un filo conduttore: l’importanza del disordine e delle fluttuazioni per comprendere fenomeni fisici complessi quali il cambiamento climatico e la struttura di materiali come i vetri di spin Continue reading

Particelle ad alta energia: gli Agn non bastano

Un team internazionale di scienziati ha studiato l’origine di alcune particelle cosmiche ad alta energia. Lo scenario da loro proposto, descritto in un articolo pubblicato su Nature Communications, indica che una frazione di raggi gamma e neutrini potrebbero provenire dai cosiddetti “mellow supermassive black holes”, buchi neri a basso accrescimento. A guidare lo studio è Shigeo Kimura, della Tohoku University Continue reading

IgNobili pedoni

Hanno osservato milioni di pedoni in una stazione dei Paesi Bassi per scoprire come fanno a non scontrarsi. Il loro lavoro, pubblicato nel 2018 su Physical Review E, ha fatto prima sorridere, e poi riflettere, il comitato del premio Ig Nobel, che ha conferito loro l'eccentrico riconoscimento nel campo della fisica. Ne parliamo con due dei vincitori, Alessandro Corbetta e Federico Toschi della Eindhoven University of Technology Continue reading

Tsunami e terremoti, così risuonano nello spazio

È possibile analizzare e misurare da satellite fenomeni innescati da eventi sismici? La risposta è sì, e la “smoking gun” è ora descritta in uno studio, condotto da un team multidisciplinare di ricercatori italiani su dati acquisiti dal progetto Limadou con il satellite Cses, sulle perturbazioni delle frequenze di risonanza delle linee del campo geomagnetico. Ne parliamo con uno degli autori, il fisico Roberto Battiston Continue reading

Bagliori d’energia oscura nel cuore del Gran Sasso

La forza misteriosa che costituisce circa il 70 per cento dell’universo, responsabile della sua espansione accelerata, potrebbe essere all’origine di eventi anomali registrati dall’esperimento Xenon1T nei Laboratori nazionali del Gran Sasso, un rivelatore costruito in realtà per catturare materia – non energia – oscura. A guidare lo studio, pubblicato su Physical Review D, Sunny Vagnozzi dell’Università di Cambridge e Luca Visinelli delll’Infn Continue reading