Pedala!

Ventiseiesima puntata

Perché se ci si siede da fermi sul sellino di una bicicletta o di uno scooter si cade, mentre quando si è in moto il mezzo sta in piedi? A questa domanda all’apparenza banale risponde Giovanni Organtini, del Dipartimento di Fisica dell’Università “Sapienza” di Roma, che ci parla dei concetti di “Momento di una forza” e “Momento angolare”.

 

 

  • Autore: Giovanni Organtini
  • Altre voci: Chiara Piselli e Lorenzo Organtini
  • Regia: Edoardo Massaro
  • Musiche: Un ringraziamento particolare a Frankie Hi-NRG per averci concesso l’uso del brano “Pedala!” / Iggy White “Movement” e “Chicateira” / Zoltan Peter “Look Inside”, “Movement” e “The Profecy is Destiny”

 

Play
Share

5 Responses to Pedala!

  • Pingback: Pedala! | giovanni organtini

  • roberto ramadori says:

    Desidererei un chiarimento sul concetto di momento. Come è possibile che negli urti anelastici si ha variazione di energia cinetica (1/2 mv2), ma non di quantità di moto (mv). La variazione di energia cinetica implica la variazione di velocità (m è costante) e quindi dovrebbe variare anche la quantità di moto. Presumo che la risposta vada ricercata nel fatto che l’energia cinetica è una grandezza scalare mentre la quantità di moto è vettoriale. Ma una sua spiegazione mi aiuterebbe a capire meglio. Grazie

    • Caro Roberto,
      quello che si conserva (o meno) e’ la quantita’ di moto e l’energia TOTALE del sistema (per esempio l’insieme di due corpi che si urtano). Pertanto e’ possibile che, dati due corpi, si conservi m1v1+m2v2 ma non 1/2*m1*v1^2+1/2*m2*v2^2

      • roberto ramadori says:

        Grazie per la sollecita risposta. Continuo però a non capire, evidentemente c’è qualcosa che mi sfugge. Negli urti anelastici si ha:
        (1/2m1v1^2+1/2 m2v2^2) dopo l’urto
        minore di
        (1/2 m1v1^2+1/2 m2v2^2) prima dell’urto.
        Parte dell’energia cinetica si è trasformata, ad esempio, in calore e l’energia TOTALE del sistema si è conservata, e questo mi è chiaro. E’ sulla conservazione della quantità di moto che ho dei problemi: poichè m1 e m2 sono costanti, devono necessariamente essere variate le velocità. Ma allora come può essere matematicamente che (m1v1+m2v2) dopo l’urto sia uguale a (m1v1+m2v2) prima dell’urto.

        • Mi scuso per il ritardo nella risposta, il commento era andato perso …
          Matematicamente basta che se v1 aumenta di un delta_v, v2 diminuisca di delta_v*m1/m2, dove e’ il problema?
          grazie
          Riccardo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Come ascoltare Fisicast

 

Ringraziamenti
Per la revisione dei testi, gli utilissimi suggerimenti e il supporto in varie forme, un grazie agli ascoltatori: Alberto S., Andrea P., Federico C., Francesca D'A.O., Lara B., Onorio L.C., Cesare S., Stefano B., Antonella F., Lorenzo G., Alberto V.