E=mc^2

Diciottesima puntata


Con la sua celebre equazione E=mc2 Albert Einstein scoprì che massa ed energia sono due facce della stessa medaglia e possono trasformarsi l’una nell’altra. Ma come è nata questa formula? E soprattutto, che cosa significa? E perché nessuno ci aveva pensato prima?

  • Autore: Gianluca Li Causi
  • Altre voci: Chiara Piselli
  • Regia: Chiara Crociata

Le musiche di sottofondo sono:

  • Antony_Raijekov, When_Waves_Trying_to_Catch_a_Marvel
  • Arena_Of_Electronic_Music, garish_cyborg, Evening
  • StrangeZero, Melting_Pill
  • phi leas, Feeling_a_little_blue
  • Brokenkites, Unavailable

 

Play
Share

6 Responses to E=mc^2

  • roberto says:

    quando dici che il lampione dalla parte in avvicinamento cede più energia di quella sottratta dalla parte in allontanamento per effetto della relatività mi sfugge il motivo….grazie

    • La finalità di questa puntata, cioè spiegare l’equazione E=mc2, ha richiesto un testo abbastanza impegnativo, perciò abbiamo deciso di usare l’effetto Doppler senza spiegarlo, per non appesantire il testo ulteriormente. Diamo una spiegazione generale dell’effeto Doppler nella puntata “L’effetto Doppler”. Le motivazioni relativistiche per cui succede anche con la luce sono in realtà diverse e, al momento, non vedo un modo di spiegarle senza una derivazione matematica, ma il concetto è sostanzialmente lo stesso. Per questa puntata accetta che sia così e concentrati a capire E=mc2.
      Gianluca

  • Mario says:

    Buongiorno la mia domanda da ignorante in materia è…. se nulla va più veloce della luce cone mai c nella formula sopra che rappresenta la velocità della luce è al quadrato???!!!!!
    Grazie e buona giornata

    • Il quadrato deriva dalla formula classica dell’energia cinetica, cioè dovuta al movimento, di un corpo in moto. Se, per esempio, una pallina da tennis di massa “m” viene lanciata a velocità “v”, la sua energia cinetica vale E = 1/2 * m * v^2. Questo vuol dire che una pallina che va al doppio della velocità ha un’energia quadrupla. La formula E=m*c^2 deriva proprio dalla formula dell’energia cinetica, per questo c è al quadrato.

  • Daniele says:

    Intanto complimenti per quest’iniziativa, la trovo davvero interessantissima.
    Mi è sorta una domanda riguardo la fusione cui accennate alla fine del podcast: come è possibile che l’energia ripasciata dalla fusione sia maggiore di quella che serve per avvicinare sufficientemente i nuclei atomici?

    • Grazie per i complimenti e perdoni il ritardo nella risposta. Che l’energia ottenuta dalla reazione sia di più di quella necessaria al suo innesco (del resto è proprio questo il motivo per cui la fusione sarebbe utile) non è poi così sorprendente se considera che avviene lo stesso ogni volta che accende il fuoco in un caminetto: per attivare la combustione deve usare energia (quella della fiamma di un accendino per esempio) che serve per superare la repulsione tra gli elettroni del combustibile e del comburente. Una volta avviata la reazione stessa poduce più energia di quella di attivazione perché libera l’energia del legame chimico che inizialmente tenerva gli elettroni legati agli atomi: elettroni e nuclei infatti si riorganizzano in un nuovo composto (il risultato della combustione) nel quale hanno un’energia di legame minore. Nella fusione il concetto è lo stesso: serve energia per superare la repulsione tra i nuclei, superata questa energia protoni e neutroni si riorganizzano in una configurazione meno legata e rilasciano all’esterno la differenza di energia di legame che, essendo maggiore dell’energia di attivazione, viene parzialmente riutilizzata per innescare altre reazioni negli atomi vicini cosicché la reazione si autoalimente, come quella del fuoco.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Come ascoltare Fisicast

Per non mancare nessuna puntata iscrivetevi gratuitamente a uno dei seguenti servizi di ricezione automatica:

 

Ricevi Fisicast via e-mail

Scrivi la tua email e riceverai la notifica delle nuove puntate.

 

Ascolta Fisicast su iTunes

Come funziona

 

Ascolta Fisicast su YouTube

 

Ascolta Fisicast su Blubrry

 

Ascolta Fisicast su Zune

 

Fisicast su podcast.it

 

Segui Fisicast su Google+

 

Segui Fisicast su Facebook

 

Ricevi Fisicast dal Feed RSS

Come funziona

 

Oppure ascolta Fisicast su Radio Cusano, FM89.1, ogni lunedì alle 19:30

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fisicast è anche su:

 

Ringraziamenti
Per la revisione dei testi, gli utilissimi suggerimenti e il supporto in varie forme, un grazie agli ascoltatori: Alberto S., Andrea P., Federico C., Francesca D'A.O., Lara B., Onorio L.C., Cesare S., Stefano B., Antonella F., Lorenzo G., Alberto V.